seconda serata
Dal 27-02-2024 al 27-02-2024

Sanremo 2023: la seconda serata, mercoledì 8 febbraio.

Seconda serata del Festival di Sanremo con altre 14 canzoni in gara, Francesca Fagnani co-conduttrice e, tra gli ospiti, i Black Eyed Peas e Angelo Duro

Festival di Sanremo 2023, seconda serata. Mercoledì 8 febbraio sul palco dell’Ariston salgono i restanti 14 artisti in gara ma anche tanti ospiti, a partire dal trio Morandi-Al Bano-Ranieri e i Black Eyed Peas. Negli spazi esterni, sui due palchi collaterali, ci sono sulla Costa Smeralda Fedez, e sul Suzuki stage di Piazza Colombo Nek e Francesco Renga.

A rompere il ghiaccio un giovane Big proveniente da Sanremo Giovani. Gianni Morandi e Amadeus presentano Will in gara con Stupido che porta l’amore al teatro Ariston, ma con un concetto diverso da quello convenzionale. La canzone parla delle emozioni che ci rendono impacciati davanti alla persona che ci piace.

Scende le scale del teatro il primo gruppo, i Modà che tornano a Sanremo dopo esattamente 10 anni dall’ultima partecipazione la band porta in gara Lasciami un brano che parla di quanto a volte le cose negative, difficili che accadono nella vita, si possono trasformare in punti di forza, di rinascita.

Alla seconda serata del festival arrivano sul palco Francesco Arca e Mario Di Leva per presentare “Resta con me“, la fiction in partenza lunedì su Rai1. “Sicuramente vedremo un ispettore determinato, sensibile, forte, che non nasconderà le sue fragilità. Una serie difficile da collocare in un genere, un poliziesco in cui i rapporti umani e familiari hanno una loro importanza fondamentale

Scende le scale Francesca Fagnani, la giornalista conduttrice del programma “Belva“. E Amadeus annuncia la co-conduttrice, con indosso un elegante vestito nero scollatissimo, scherzando: “Una belva a Sanremo“.

Sethu è il terzo artista in gara. Pseudonimo di Marco de Lauri, è uno dei cantanti in gara tra i big a Sanremo 2023 con il brano Cause Perse. Arriva da Sanremo Giovani ed ha un timbro vocale interessante.

Tre artisti che hanno fatto la storia della musica italiana, sul palco del teatro Ariston Gianni Morandi, Albano e Massimo Ranieri infiammano la platea a suon di brani amati da tutto il pubblico, impossibile non cantare.

Da “In ginocchio da te” a “Vent’anni“, passando per “Nel sole“, i tre eseguono alcuni dei loro più grandi successi. Parte una sorta di sfida di successi, con i tre che si affrontano proponendo alcuni dei i loro principali successi. Arrivano “Uno su mille“, “Perdere l’amore“, “Felicità

Cominciamo da capo“, dice Al Bano alla fine dell’esibizione che quest’anno compie 80 anni e spegne proprio a Sanremo le prime candeline

Debuttano a Sanremo gli Articolo 31 con Un bel viaggio. Il ritorno assieme è lo scheletro di questa canzone in cui Ax è Jad ripercorrono la traiettoria del loro enorme successo, maturato da un’amicizia che esisteva prima che diventassero Articolo 31 e che, evidentemente si è sgretolata a causa degli Articolo 31.

Prima volta al festival per il talentuoso Lazza che fa ballare il teatro Ariston con la sua Cenere. Canzone pop orecchiabile e melodica, con un testo che narra un percorso di vita fatto di salite, discese e rinascite. La cenere del titolo è quella in cui ci si può ridurre dopo esperienze di vita terminate senza lieto fine; ma è al contempo anche un simbolo di rinascita.

Una delle cantanti più importante della musica italiana torna a Sanremo dopo 22 anni GiorgiaParole dette male” è il titolo di questo pezzo che non sembra tradire le tradizionali sonorità che siamo abituati ad accostare all’artista.

Femminismo, diritti umani e attualità arrivano sul palco dell’Ariston nella seconda serata di Sanremo 2023, con Pegah Moshir Pour attivista di origini iraniane che assieme all’amatissima Drusilla Foer ci toccano il cuore con un monologo dedicato alla drammatica situazione delle donne in Iran, da mesi in lotta per difendere la propria libertà e i propri diritti fondamentali.

Anche nella seconda serata del festival si ha il collegamento dal Suzuki Stage situato proprio accanto al teatro Ariston due ex big della kermesse sanremese, Francesco Renga e Nek presentati al pubblico a casa da Gianni Morandi.

Tornano a Sanremo due anni dopo la loro Musica Leggerissima, Colapesce Dimartino, che si confermano cantautori raffinatissimi. Anche questa volta dimostrano di saper cantare gli stati d’animo più avvilenti, mascherandoli con vesti musicali sensazionali. “Per non sentire il peso delle aspettative” il motto della vita.

I Black Eyed Peas arrivano a Sanremo e il teatro Ariston si trasforma nella discoteca più grande d’Italia, i primi super ospiti internazionali propongono alcuni dei loro successi più noti. La band ha attraversato con grandi successi gli ultimi vent’anni di musica e che si presenta a Sanremo con la sua formazione più recente, in cui la storia voce di Fergie è sostituita da quella di J. Rey Soul.

Dopo l’intervento dedicato alle Olimpiadi e Paraolimpiadi di Milano Cortina 2026 riprende la gara. E’ il momento di Shari, l’artista ne arriva da Sanremo Giovani e presenta al pubblico Egoista un brano dall’anima soul unita a sonorità pop. Sul brano proprio la cantante, rivela:“Il brano che porto all’Ariston s’intitola “Egoista” la differenza tra questo brano e quello che ho portato a Sanremo Giovani è che principalmente sono un po’ cresciuta nella scrittura. L’ho scritto a un anno di distanza dell’altro e quindi si sente un po’ il miglioramento. Poi il testo di Egoista è un po’ più complicato, più complesso, più lungo quindi spero che la gente riesca a capirlo e che ci metta un po’ di attenzione. Perché a volte senti la melodia e magari ci fa un po’ distrarre e ci tengo proprio al significato che parla principalmente d’amore ma anche di un momento in cui io mi sono sentita egoista nei miei pensieri notturni e credo che tutti siamo un po’ egoisti. Quindi magari ci si può ritrovare nei in questo testo”

L’intervento di Francesca Fagnani non è un monologo su di sé, ma un momento per accendere i riflettori su un tema mai sufficientemente sottolineato, la disfunzionalità del sistema scolastico e l’incapacità di arrivare a tutti con l’istruzione. Non tutte le parole sono uguali, ce ne sono alcune che per arrivare sul palco di Sanremo devono abbattere muri. Parole come quelle raccolte nel carcere minorile di Nisida, tra i detenuti, un discorso che analizza il rapporto tra la mancanza di istruzione e il vortice della criminalità. “Se non faremo in modo che chi entra in carcere non ne esce migliorato, avremo perso tutti“.

Seconda serata, secondo appuntamento con Costa Smeralda, la nave da crociera in rada a largo di Sanremo che stasera ospita Fedez.

Dopo due anni dalla sua prima volta al Teatro Ariston torna la giovanissima e bravissima Madame con Il bene nel male una storia d’amore raccontata da una prostituta. Nel brano il termine ‘puttana’ suona come “una dolce offesa“, così l’ha definita. L’artista si è immedesimata in una prostituta che si è innamorata di un uomo, ma lui la vede solo come un errore. Tra loro quindi nasce una discussione rispetto alla quale lei fa un ragionamento più profondo: puoi prendere ciò che di buono ti arriva da qualsiasi parte. Che sia il 70% bene e il 30% male o viceversa.

Protagonista di una delle parabole più sorprendenti del 2022 della musica pop nostrana: con il brano “Sesso occasionale” è uscito dallo scorso Festival con un deludente venticinquesimo e ultimo posto in classifica. In breve tempo la canzone si è poi rivelata un successo travolgente. Con le successive “Baby Goddamn” e “La dolce vita” (cantata con Fedez e Mara Sattei) ha consacrato la sua magica annata. Durante la seconda serata torna al Festival di Sanremo con “Tango”, Tananai, un brano introspettivo dove il tema è quello dell’amore a distanza. Si parla di piccoli gesti ed episodi del vivere quotidiano, ma l’armonia delle dinamiche è interrotta dalla lontananza, dal vuoto della realtà che si nutre dei ricordi.

E’ il momento di Rosa Chemical che arriva on stage ringraziando Amadeus per le parole spese sulla querelle degli scorsi giorni. Il tredicesimo big porta in gara Made in Italy una personalissima rilettura dell’essere italiano nel mondo di oggi che manifesta senza mezze misura la volontà di abbattere tutti gli stereotipi che da sempre attanagliano l’opinione comune. Si parla ovviamente di sesso, ma anche di amore ed uguaglianza. 

LDA arriva per la prima volta sul palco del Festival di Sanremo. Un esordio importante che arriva dopo la partecipazione ad Amici. Canta Se poi domani, un brano che segue al successo di Quello che fa male, che lo ha reso il cantante più rapido a raggiungere il disco di platino tra gli artisti del talent show di Maria De Filippi.

Paola e Chiara sono le ultime artiste ad esibirsi in gara per la serata con il brano Furore. Si tratta di un ritorno attesissimo per il duo, lontano da oltre un ventennio dall’Ariston, da quando vinsero con il brano Amici come prima. Il loro brano Furore sancisce la loro sintonia e un ritorno sulla scena con grande stile.

Seconda serata: la Classifica

1. Colapesce Dimartino – Splash
2. Madame – Il bene nel male
3. Tananai – Tango
4. Lazza – Cenere
5. Giorgia – Parole
6. Rosa Chemical – Made in Italy
7. Paola e Chiara – Furore
8. Levanto – Vivo
9. Articolo 31 – Un bel viaggio
10. Modà – Lasciami
11. LDA – Se poi Domani
12. Will – Stupido
13. Shari – Egoista
14. Sethu – Cause perse

Seconda Serata: La classifica Generale

1.Marco Mengoni – Due Vite
2. Colapesce Dimartino – Splash
3. Madame – Il bene nel male
4. Tananai – Tango
5. Elodie – Due
6. Coma_Cosa – L’addio
7. Lazza- Cenere
8. Giorgia – Parole dette male
9. Rosa Chemical – Made in Italy
10. Ultimo – Alba
11. Leo Gassmann – Terzo Cuore
12. Mara Sattei – Duemilaminuti
13. Colla Zio – Non mi va
14. Paola e Chiara – Furore
15. Cugini di Campagna -Lettera 22
16. Levante – Vivo
17. Mr. Rain – Supereroi
18. Articolo 31 – Un bel Viaggio
19. Gianluca Grignani – Quando ti manca il fiato
20. Ariete – Mare di guai
21. Modà – Lasciami
22. gIANMARIA – Mostro
23. Olly – Polvere
24. LDA – Se poi domani
25. Will – Stupido
26. Anna Oxa – Sali
27. Shari – Egoista
28. Sethu – Cause perse

Leggi le news di Sanremo 2023