Grand Hotel Bellevue: prestigioso hotel a levante della città.


Il Grand Hotel Bellevue fu progettato da Pietro Agosti tra il 1893 e il 1894 seguendo i criteri che per gli Svizzeri maestri del settore definivano la realizzazione di un grande albergo: atrio lussuoso, sale da gioco, biblioteca, sale da ballo.

Destinate a soggiorni prolungati le camere all’interno del Grand Hotel Bellevue erano spaziose ed eleganti in grado  da essere raggruppate in modo da formare “quartieri” intorno a un corridoio o anticamera, a uso di una intera famiglia e della servitù personale. Erano disponibili 27 appartamenti, 200 posti letto ed un parco di 12.000 metri quadrati. L’atrio conserva ancora a destra la “Sala degli specchi” adibita un tempo a sala da pranzo e a sinistra la “Sala fiorentina”che era dedicata alla conversazione.

Negli anni Venti vi fu aggiunto un nuovo edificio: il Kurhaus. 

Grand Hotel Bellevue

Il nuovo edificio a 5 piani leggermente arretrato, aveva uno sviluppo frontale per ospitare vaste terrazze coperte a loggia per praticare l’elioterapia e le sabbiature con sabbia calda di mare, rimedio principale per le cure tubercolari. Queste terapie si associavano con bagni in acqua di mare riscaldata che si praticavano nell’adiacente stabilimento idroterapico posto sul retro dell’albergo, ora sede di uffici del Comune.

Un corridoio univa questa parte della struttura all’albergo in modo da permettere anche agli ammalati o ai convalescenti di partecipare alla vita mondana ed elegante che si svolgeva nei saloni principali.

L’ultimo cliente famoso fu nel dopoguerra il Re Faruk d’Egitto, protagonista delle cronache mondane di quegli anni.

L’hotel restò in funzione fino agli anni 60 per poi, acquistato dal Comune, diventare nel 1966 sede del Palazzo Municipale.

Fonte: in collaborazione con il Liceo Cassini di Sanremo

Scopri tutte le news della Città dei Fiori qui: https://www.sanremoliveandlove.it